Waterparks in Santeria Toscana 31 – 15/11/2023: il live report

Waterparks Milano

Foto di Andrea Liguori

Il live report del concerto degli Waterparks in Santeria Toscana 31 di Milano!


Waterparks + Stand Atlantic è una combo scoppiettante per gli amanti del pop punk e il 15 novembre abbiamo avuto la fortuna di vederla concretizzata in Santeria Toscana 31 di Milano. Una data per i pop punk kids, certo, anche se entrambe le band, a modo loro, si sono evolute negli anni e hanno declinato in maniera personale il genere, pur restando all’interno della scena; e l’eclettismo che le contraddistingue è riuscito a garantire uno show di livello non indifferente.

Il via alle danze lo danno gli Stand Atlantic, alla quarta visita nel Belpaese, dove a quanto pare sono condannati ogni volta a esibirsi come opening act. Anche questa volta la scaletta non contempla neanche un brano del bellissimo EP d’esordio Sidewinder e segue quasi fedelmente quella dello Slam Dunk Italy, dando molto spazio all’ultimo album F.E.A.R. (2022) e ai nuovi singoli: tra questi, ahinoi, il recente e brutto Sex on the Beach – che però live si riscatta parzialmente – al posto di Switchblade.

Dopo aver riscaldato con Hair Out e Jurassic Park un pubblico fin dall’inizio partecipe e che non rimarrà mai tiepido, finalmente su Pity Party arriva anche l’imprescindibile pogo, lo stesso che tre quarti d’ora dopo metterà il sigillo conclusivo al set con l’esplosiva Molotov [OK]. La situazione è viva per tutto il tempo e anche quando si concede giusto qualche momento più tranquillo (Blurry, Bloodclot, Kill[h]er) la band australiana è più che apprezzata. Piccolo fuoriprogramma per quanto riguarda il merch, andato esaurito: gli Stand Atlantic tentano di rimediare mandando un tizio della crew vestito da genio della lampada con un QR code gigante che rimanda al loro sito con spedizione gratuita; di lì a breve sarà sepolto nel pit. La lampada comunque non l’aveva, ma nel caso fossimo riusciti a sfregarla avremmo desiderato di rivederli presto con un tour tutto loro.

Mezz’ora di cambio palco e per gli Waterparks ha inizio il loro terzo show da headliner in Italia, dopo la data di cinque anni fa al Serraglio di Milano e quella di pochi mesi prima al Legend. La tentazione di seguire la band dalle retrovie dura giusto tre canzoni, tempo per la doppietta Stupid for You-Crave di fuoriuscire dalle casse ed è impossibile resistere al richiamo degli amplificatori. Gli Waterparks infatti ormai fanno pop rock, ma è un pop rock adrenalinico che dal vivo sprigiona tutta la sua energia. Grande entusiasmo da parte dei fan, che non si fanno trovare impreparati davanti ai (tanti) brani scelti dall’ultimo album Intellectual Property, uscito ad aprile.

Waterparks alla Santeria Toscana 31

In termini di dimostrazione d’affetto, il teatro di Santeria Toscana non sembra conoscere la classica separazione tra vecchie glorie e nuovi brani del repertorio: praticamente ogni canzone viene partecipata vivamente, per un’ora e mezza di concerto che propone una setlist molto ricca, comprensiva di medley acustico in cui infilano parti di Not Warriors, 21 Questions, Sleep Alone (“è la prima volta che la facciamo nel tour, solo per voi, Italia!”) e Lucky People. Com’è inevitabile per ogni band estera che passi da noi, anche Awsten, Otto e Geoff non si trattengono dal giocare con gli stereotipi italiani: per fortuna nessuna menzione a mafia e mandolino, solo una più che ossessiva attenzione per l’immancabile pasta (alla quale dedicano letteralmente un circle pit) e la nostra tipica gestualità.

La serata ha visto un pubblico variegato e anch’esso non banale, che mette l’adolescente coi capelli colorati e il viso ricoperto di brillantini di fianco all’insospettabile ultraquarantenne in camicia a quadrotti che poteva passare per un genitore-accompagnatore e che invece ha fomentato il pogo finale. L’intera serata insomma è stata dominata da un forte senso di divertimento. Le due band, delle quali si percepisce la genuinità, sanno valorizzare il rapporto coi fan: entrambe non hanno mancato di constatare come il pubblico italiano sia sempre particolarmente caloroso. E okay, sarà una consuetudine che si rinnova a ogni concerto e magari avranno ripetuto la stessa cosa in Svizzera e Germania, ma c’è qualcosa del modo in cui lo dicono, del modo in cui ti guardano, che ti fa credere sia vero.


La scaletta del concerto degli Waterparks alla Santeria Toscana 31 di Milano:

  1. St*rfucker
  2. Numb
  3. Rare
  4. Stupid for You
  5. Crave
  6. Sneaking Out of Heaven
  7. Brainwashed
  8. 2 Best Friends
  9. Fuck About It
  10. Magnetic
  11. [Reboot]
  12. Royal
  13. Telephone
  14. Ritual
  15. Not Warriors / 21 Questions / Sleep Alone / Lucky People
  16. I Miss Having Sex but at Least I Don’t Wanna Die Anymore
  17. Closer
  18. A Night Out on Earth
  19. Real Super Dark
  20. Turbulent
  21. Funeral Grey

Stand Atlantic:

  1. Hair Out
  2. Jurassic Park
  3. Pity Party
  4. Wavelength
  5. Lavender Bones
  6. Hate Me (Sometimes)
  7. Sex on The Beach
  8. Blurry
  9. Bloodclot
  10. Dumb
  11. Kill[h]er
  12. Deathwish
  13. Molotov [OK]

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *