GROOVE ON: i migliori brani emergenti della settimana – con Jake Huffman, Niall the Urchin & more

Jake Huffman

Jake Huffman – Giving It a Try

Abbiamo incontrato Jake Huffman in occasione del suo precedente singolo Just a Little More, che ci ricordava tantissimo lo stile dei The Summer Set ma in parte anche i Coldplay per lo stile vocale di Jake. Su Giving It a Try l’artista conferma quanto abbiamo sentito in precedenza, regalandoci un pezzo pop rock molto ritmato con vocals velatamente nostalgici, proprio come abbiamo imparato a conoscere dai due gruppi citati. La canzone, autoprodotta, è un omaggio a un sognatore indomito che percorre l’America suonando in una giovane rock band. Proviene dall’EP Adderall & Whiskey, in uscita ad aprile.

Antoine Chambe – Forget About It

Antoine Chambe è un DJ e produttore francese, già di discreto successo nel proprio Paese, dove ha cominciato la propria attività musicale come “ghost producer” (sì, ci sono anche loro) lavorando con Mercury (etichetta del gruppo Universal), Spinnin’ Records e Armada. Il suo nuovo singolo Forget About It vede alle voci il duo svedese Tomode, e infatti il video ufficiale è stato girato a Stoccolma. Il pezzo è una canzone elettronica ai limiti della dance ma dai ritmi più rilassati e morbidi. È uno degli estratti dal suo prossimo album Riverside, in uscita il 3 giugno 2022.

Jenny Stevens and The Empty Mirrors – Beneath Smooth Waters

Ritroviamo il progetto della gallese Jenny Stevens e dei finlandesi The Empty Mirrors, di cui abbiamo già trattato in occasione di alcuni singoli precedenti come Gabrielle e No, I Wouldn’t Call It Love. Per il loro nuovo pezzo, Beneath Smooth Waters, il progetto si sposta dalle chitarre indie anni ’80 per abbracciare un sound anni ’90 più elettronico e trip hop, influenzato anche da brani come Play Dead di Björk. La band ci avvisa anche che si tratta letteralmente di un “canto delle sirene”, consigliandoci di non avvicinarci troppo al bordo dell’acqua…

Mr. Fartface – Let It Skate

Skate punk classicone quello che propongono i belgi Mr. Fartface (molto punk anche nel nome), con più di un richiamo ai The Offspring. Insieme dal 2017, la band ha pubblicato questo Let It Skate come anticipazione del secondo EP in arrivo ad aprile. Il brano è -come si può chiaramente capire dal titolo- un tributo tanto allo skate punk quanto alla cultura dello skate, che ha aiutato a loro dire molti giovani a non impazzire quando il covid e le varie restrizioni hanno preso d’assalto il mondo.

Niall the Urchin – Temping Bowling

Niall the Urchin è un duo di Hammersmith, cuore di West London, formato appunto da Niall (lo “scugnizzo” di cui si parla nel nome della band) e da MTB (che è una persona in carne e ossa e non una bicicletta). Si dicono influenzati da band come Joy Division, Suicide, The Streets e Two Lone Swordsmen, ma anche dall’hip hop di Wu Tang Clan e Odd Future e dalla poesia di Bukowski. Il loro nuovo singolo Temping Bowling suona molto come una canzone indie proveniente dall’Inghilterra, ovviamente con quel piccolo tocco di post-punk che di questi tempi è quasi un must per una band che venga d’Oltremanica.


Tutti gli episodi di Groove On sono disponibili a questo link.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.