GROOVE ON: Fior, Cat Ryan, Old Foes

Fior singer
Fior – YOYO

Nominata da People come una degli artisti emergenti da tenere d’occhio questa primavera, Fior ci fa ascoltare il suo nuovo singolo YOYO (acronimo di “yo on yo own”), una canzone decisamente gradevole e orecchiabile, tra R’n’B, soul e pop, con un basso molto funky e ritmi moderatamente ballabili. Prodotta dal noto producer Scott Storch, il brano appare perfetto per l’estate, ed è una traccia che celebra la libertà che si ottiene quando ci si lascia finalmente alle spalle una situazione o una persona che ci hanno trascinati in basso e fatti sentire bloccati.

Old Foes – Population Slave + Fear Of

Old Foes ha un sound che farebbe supporre di essere in presenza di una band intera, invece si tratta del progetto solista del musicista di Baltimore Kyle Rigsby, attivo dal 2021. L’artista ha cominciato a pubblicare un singolo ogni due lunedì a partire da marzo e fino al 18 luglio, quando avrà quindi inanellato dieci pezzi. I due brani che ci ha proposto, Population Slave e Fear Of, sono due pezzi piuttosto diversi per certi versi: più aggressivo il primo come sonorità, assestandosi fra l’hardcore e il metalcore (anche se i vocals sono puliti, a tratti quasi più affini all’hard rock), più arioso il secondo che non rinuncia comunque a momenti maggiormente incalzanti.

Cat Ryan – Rex Mundi

Rex Mundi, ovvero re del mondo, o “king of the world” come cantano i Cat Ryan nel ritornello del loro nuovo singolo. La band di Newcastle-upon-Tyne propone un’indie rock molto allegro e spensierato, leggerino e quasi tendente al pop ma davvero delizioso e gradevole. È una canzone che troveremo nel prossimo EP dei Cat Ryan, che il gruppo ci dice essere previsto per l’autunno. Una curiosità: la band ha ben due batteristi, anche se nei concerti suona solamente uno di loro (immaginiamo alternativamente in base agli impegni).

Peter Lake – Sweet Abyss (What If I Need You?)

Torna il poliedrico artista di New York Peter Lake, a poche settimane dal suo ultimo singolo Stay Baby Stay. Il nuovo brano si chiama Sweet Abyss /What If I Need You?), e ovviamente presenta ancora un cambio di sound: abbiamo qui una sorta di ballad pop rock suonata, dai toni piuttosto malinconici: l’argomento infatti è quello di una perdita (di una persona amata, pare intendersi fra le righe), che diventa occasione di lutto ma anche di ritrovare qualche piccola luce in fondo all’abisso.

Hummingbird – Home

“Dopo Venere, gli Hummingbird prendono il volo verso la Luna, sempre trasportati dalla loro navicella rock and roll e dai loro suoni elettronici”. Così i francesi Hummingbird a proposito del loro nuovo singolo Home, con una gigantesca luna in copertina. Quello proposto dalla band transalpina è un indie rock molto accessibile e piuttosto nostalgico nelle sonorità, con una bella chitarra quasi country rock sul finale.


Tutti gli episodi di Groove On sono disponibili a questo link.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.