GROOVE ON: Bluesomn, Sun Moon Sky, Fxrly & more

Bluesomn

Bluesomn – Ghost

Non sappiamo da dove spuntino i Bluesomn e soprattutto perché non li abbiamo conosciuti prima, ma quello che possiamo dire è che siamo felici di avere fatto la loro conoscenza. La band proviene dal Messico e sul suo nuovo singolo Ghost propone un rock alternativo di derivazione primi anni 2000 con un tocco di emo. Il cantato femminile è caratterizzato da un timbro leggermente più profondo della media; il giro di chitarra affascina e il ritornello, pur senza eccessi di catchiness, è una piccola pugnalata al cuore per le emozioni che è capace di suscitare. Lunghetto il brano con i suoi 5 minuti e 41 secondi, ma non ci si annoia mai. Per tutti i nostalgici dell’emo, ma anche per chi apprezza l’indie rock di oggigiorno con qualche sporcatura più elettrica.

Sun Moon Sky – Into the Light

Sun Moon Sky è un nome che ricorda un po’ Sun Kil Moon, ma in questo caso la band cui siamo di fronte è un progetto svedese che fa musica alternative pop dall’incedere compassato e maestoso, un pochino assimilabile a quello delle colonne sonore dei film. Le atmosfere sono tendenzialmente riflessive e malinconiche, ma non mancano di una certa epicità che tira sù la carica emotiva di un brano come Into the Light. Apprezzabili gli esperimenti sui vocals, che sono leggermente distorti in modo da creare una sensazione al contempo straniante e ammaliante.

Fxrly – The Other Side

Immaginatevi il punk rock fatto bene. Quello di gruppi come Anti-Flag o Green Day, che in The Other Side, il nuovo brano dei Fxrly sembrano riecheggiare, per lo strumentale nel caso dei primi e per il cantato nel caso dei secondi. La produzione è limpida e cristallina e fa risplendere di luce il pezzo, che già di per sé è una gran bella canzone accattivante ed energica, e anche parecchio orecchiabile che per quanto ci riguarda non è mai una cosa negativa. Si tratta del singolo di lancio dell’album Winter Blue, di prossima uscita.

Baba Shrimps – Best Days

La Svizzera sa spesso presentare delle sorprendenti novità musicali. Tra queste ci sono sicuramente i Baba Shrimps, che nonostante un nome francamente terribile fanno musica bella: la loro Best Days è un pezzo alternative rock molto radiofonico ma davvero ben fatto, con una produzione di altissimo livello e un mood un pochino malinconico che si adatta benissimo ai vocals del cantante (che a noi ricordano vagamente quelli di John O’Callaghan dei The Maine).

S.J. Armstrong – The Morning

Ritroviamo S.J. Armstrong, che avevamo visto l’ultima volta con il suo brano Designing a Spacecraft, alle prese con un altro pezzo che ha a che fare con la tecnologia. The Morning infatti parla di un radioamatore che decenni addietro cerca degli amici in un mondo contrassegnato dalla disperazione. La canzone presenta un sound pop rock caratterizzato da arrangiamenti piuttosto ricchi pur nella loro semplicità. La parte strumentale di questo brano ci piace parecchio, il che compensa il fatto che le melodie secondo noi pecchino un pochino in termini di memorabilità o di catchiness, facendo molto affidamento ai “na na na”.


Tutti gli episodi di Groove On sono disponibili a questo link.

I brani di cui parliamo sono raccolti nella playlist Get Your Groove On, che puoi ascoltare qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *