GROOVE ON: Hadee, Heavydive, Romano Nervoso & more

Hadee

Hadee – Heaven//Hell

I “giovani d’oggi” mischiano generi e sonorità che è un piacere (o un dispiacere, a volte). Hadee ad esempio parte dalla new wave dei The Cure per metterci dentro un cantato vicino all’emo rap, e poi ci piazza delle chitarre distorte e una batteria aggressiva come da lezione del punk. Il risultato può sembrare un mischione, ma suona anche piuttosto bene quando è sullo stile di questo singolo intitolato Heaven//Hell. Curioso per chiunque apprezzi anche una sola di queste sonorità, oppure nessuna.

Heavydive – Neon Ivy

Sarà che ci ricorda gli Slowdive, ma il nome Heavydive ci sembra particolarmente azzeccato per il sound che ha questa band, ovvero una sintesi di new wave e shoegaze con una spruzzatina di indie. Le atmosfere sono oscure e notturne, le sonorità decisamente retro che rimandano ad almeno una quarantina di anni fa, ma il ritornello è piuttosto memorabile a differenza di quanto spesso avviene in questi ambiti. Bello anche il lavoro sulle chitarre.

Romano Nervoso – Children of the Sun

Ci fanno ridacchiare molte cose a proposito di questo brano: il fatto che l’artista si chiami Romano Nervoso in primis, ma anche il fatto che il buon Romano dichiari di fare “spaghetti rock”, che in quanto persona italo-belga immaginiamo significare qualcosa che c’entra col fatto che l’artista è di origini italiane. A noi sembra un classico rock ‘n roll o punk rock, un brano piuttosto movimentato insomma, con chitarre distorte e veloci e ritmi alti (e durata brevissima, meno di due minuti).

S.J. Armstrong – Orange and Gray

Nuovo singolo per S.J. Armstrong, che pubblicherà un brano al mese da qui all’estate in anticipazione del suo prossimo album. Orange and Gray è un brano rilassato e rilassante, spazioso e arioso, con un certo feel nostalgico quasi da anni ’60, dato anche dal cantato multi-traccia. Il genere è un rock tranquillo, dalle chiare sonorità americane, con un bell’organo a impreziosire l’arrangiamento.

Lowknox – Arschweg

“Intensa, melodica e con un messaggio chiaro”. Già, così chiaro che non abbiamo la più pallida idea di che cosa dicano i Lowknox. La band infatti canta in tedesco, e il nuovo singolo Arschweg non fa eccezione. Per fortuna però la musica è un linguaggio universale, e allora possiamo apprezzare il punk rock del gruppo teutonico anche senza capire cosa stiano dicendo. Il brano dura meno di due minuti, ma ci piacerebbe che durasse anche un pochino di più, perché le chitarre melodiche e trascinanti ci piacciono parecchio, e l’energia è quella giusta.


Tutti gli episodi di Groove On sono disponibili a questo link.

I brani di cui parliamo sono raccolti nella playlist Get Your Groove On, che puoi ascoltare qui!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *