Clairo, Palaye Royale, Real Friends: i singoli internazionali del 28 giugno 2024

Clairo Sling copertina

 

Clairo – Nomad [pop, acoustic]. Se con Sexy to Someone avevamo sperato che Clairo si fosse ravveduta rispetto all’ultimo noiosissimo album Sling, il nuovo singolo Nomad ci fa temere che invece il prossimo disco segua orme simili, piazzandosi su un pop lento, non catchy e fiacco. Il singolo annoia fin dalle prime note, non contiene alcun accenno di vitalità e fa sostanzialmente solo dormire. [4]

 

Palaye Royale – Showbiz [Sumerian Records; pop rock, rock alternativo]. A pochissimi giorni dalle loro due date italiane (1° luglio Bologna, 2 luglio Roma), i Palaye Royale buttano fuori un singolo che pare un collage di altri artisti: le strofe sembrano un mix tra Linkin Park e Maneskin, anche per il cantato che assomiglia a quello di Damiano, mentre il ritornello è uguale a quello di Paparazzi di Lady Gaga. Aggiungiamoci che la canzone suona ben poco energica, e il risultato è decisamente fiacco. [5]

 

Real Friends – Waiting Room [Many Hats Endeavors; pop punk, emo]. I Real Friends l’hanno descritta come la loro canzone più triste di sempre; a noi sembra semplicemente la classica frase per vendere il pezzo, e in realtà non ce n’era nemmeno bisogno, perché Waiting Room funziona già benissimo di suo, con il suo mix di emo e pop punk che ormai conosciamo bene, e il bellissimo cantato di Cody Muraro che ancora una volta non fa per nulla rimpiangere Dan Lambton. [7,5]

 

MJ LendermanShe’s Leaving You [Anti-; indie rock, Americana]. Visto recentemente sul bellissimo singolo di Waxahatchee Right Back to It, oltre che chitarrista degli osannati Wednesday, MJ Lenderman è uno dei nomi di culto della nuova generazione di indie boys americani. Il 6 settembre uscirà il suo nuovo album, che dal lead single promette di essere un gran bel disco indie rock / Americana. I backing vocals femminili sono di Karly Hartzman degli Wednesday, che per inciso è anche la compagna di MJ. [8]

The World Is a Beautiful Place & I Am No Longer Afraid to DieKersed [Epitaph Records; hardcore]. Secondo singolo dal nuovo album dei TWIABP; questo dura 1 minuto e 53 secondi: la prima metà è una lunga intro quasi metallara, poi parte un cantato urlato parecchio hardcore. Non avessimo letto il nome della band sotto al nome della canzone, non ci sarebbe mai e poi mai venuto in mente che potessero essere proprio i TWIABP. Canzone bizzarra, da tenere lì per il momento e riascoltare con il disco intero. [sv]

Yours TrulyCalifornia Sober [UNFD; pop punk, alternative rock]. Le uscite recenti degli Yours Truly ci hanno convinti parecchio, specialmente da quando il gruppo australiano ha accantonato il pop punk in favore di un sound più heavy e mutuato dal post-hardcore. Qui però Mikaila Delgado e compagni tornano vicino per un brano al pop punk degli esordi, e il risultato non è certo deludente. [7]

Lizzy Farrall – Body in Your Basement [dark pop, EDM]. Su Spotify questa la trovate come “Body in Your Basemet”, con l’errore di battitura nell’ultima parola (le gioie dell’essere indipendenti e doversi caricare da sé i brani sulle piattaforme); su YouTube nemmeno c’è. Il nuovo singolo di Lizzy Farrall conferma la direzione dark pop intrapresa con i recenti singoli; qui abbiamo anche un ritornello particolarmente techno/EDM che però non riesce a essere catchy, e in generale se la canzone setta bene un’atmosfera cupa e minacciosa, la musica non è abbastanza accattivante e memorabile per restare impressa. [5]

ChokecherryAfterglow [Fearless Records; shoegaze, indie rock]. You’ve heard of Buckcherry, now get ready for… i Chokecherry hanno appena firmato per Fearless e fanno uno shoegaze abbastanza leggero e meno cupo della media, senza i fuzz esasperati di molti loro compagni di genere. Come praticamente ogni brano con questi sound, neanche Afterglow è catchy o istantaneamente memorabile, però le chitarre ci piacciono molto, così come il cantato femminile. [6,5]


Puoi leggere tutte le nostre pagelle ai singoli internazionali a questo link.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *