Knocked Loose al Live di Trezzo – 22/02/2024: il live report

Knocked Loose Live Trezzo 2024
a cura di Persimmon Collective; foto di Nadia Camilleri

Il live report del concerto dei Knocked Loose al Live di Trezzo!


Serata all’insegna del metal/hardcore al Live di Trezzo, locale scelto per l’unica tappa italiana del tour europeo 2024 dei Knocked Loose. I Knocked Loose, band con alle spalle due full length e una manciata di EP, sono ormai ben noti per i loro live infuocati oltre a essere diventati anche una band chiacchieratissima ultimamente nel panorama hardcore, specialmente dopo un primo assaggio di mainstream grazie all’apparizione al Coachella, che ha visto artisti iconici come Billie Eilish e Travis Barker tra gli spettatori del loro set. Le aspettative pertanto erano altissime. Aggiungi a ciò il super supporto degli ormai veterani Deafheaven e abbiamo un tour package perfetto.

Purtroppo il traffico e il diluvio mi fanno arrivare in ritardo e riesco a vedermi solo l’ultimo pezzo dei parigini Headbussa. Sono contento di trovare un locale già bello pieno con un pubblico con molta voglia di fare un po’ di slam dancing come intuisco dall’ultimo pezzo della band francese che mi sembrava molto interessante anche a detta di diversi amici che hanno assistito al loro concerto.

Cambio palco fulmineo e alle 20.45 puntuali salgano sul palco i Deafheaven, band californiana nota per il suo blend unico di black metal e shoegaze. Il gruppo ci regala una scaletta che -forse conscia dei gusti del fan medio dei Knocked Loose- punta più sulla potenza che sui momenti più introspettivi. Infatti i ragazzi della Bay Area tralasciano in pieno l’ultima uscita, Infinite Granite, disco che sposa in pieno lo shoegaze e per questo non amatissimo dai fan della prima ora. La band, dopo aver aperto con Brought to the Water, passa alla title track del suo lavoro più iconico, Sunbather, fresco di festeggiamenti per aver compiuto dieci anni nel 2023.

Durante i primi secondi del set i volumi sono un filo bassi e la batteria copre molto le frequenze delle chitarre, ma questo dura poco e fortunatamente si arriva presto a degli ottimi suoni che ricordano quanto mi aveva convinto di loro l’ultima volta che li vidi a Milano in apertura ai Touché Amoré nel settembre 2019. Dopo un lieto ritorno a New Bermuda con la dinamica Gifts of the Earth (forse una delle mie preferite loro grazie all’outro che mi ricorda molto Champagne Supernova) si torna ai ritmi ben più spinti col loro singolo del 2019, Black Brick. Il pubblico è molto attento ma non si lascia andare fino all’arrivo dell’ultimo pezzo, la hit, Dream House, momento dove finalmente i fan ci regalano dei sentiti singalong.

Dopo un tentativo fallito di recuperare la scaletta sotto palco faccio una corsa al mixer per trovarne una copia abbandonata che un membro dello staff del locale mi passa gentilmente. Alle 22 le luci del locale spariscono e partono le sirene. Questo può solamente voler dire che i Knocked Loose stanno per salire sul palco. Infatti vengo travolto immediatamente da un’onda umana perché il centro del parterre si trasforma alla velocità della luce in un circle pit nell’attesa che si suoni la prima nota. Appena sul palco, la band, tutta vestita di nero, parte a piena velocità con Deep in the Willow, uno dei due singoli fatti uscire nel 2023. Il gruppo non fa un LP dal 2019 ma comunque continua a buttare fuori singoli ed EP che sono stati accolti caldamente dai fan e dalla critica.

L’emozione per i pezzi nuovi eguaglia senz’altro l’energia mostrata per i pezzi tratti dai dischi Laughing Tracks e A Different Shade of Blue. I ragazzi del Kentucky passano senza tregua per tutta la loro discografia. Il cantante Bryan e il chitarrista solista Isaac fanno da arringatori per tutto il concerto letteralmente dando un vero e proprio tutorial di hardcore dancing a ogni pezzo: “two step!” “circle pit!” urla Bryan; “open it up” “push the person next to you!” continua Isaac. E il pubblico, cantando a memoria ogni parola, esegue felicemente senza sosta diventando senza volerlo una parte fondamentale dello show.

Momenti di grandissima emozione si vedono con Deadringer e il pezzo old school All My Friends per poi arrivare al quartetto finale Mistakes Like Fractures/Billy No Mates/Counting Worms (premio miglior singalong)/Everything Is Quiet Now, annunciati quasi come un countdown verso la fine del mondo dal buon Bryan. Nonostante l’aggressività generale del set, le vibe erano positive sia da parte della band che del pubblico tutti intenti a divertirsi assieme per un giovedì sera piovoso. I Knocked Loose lasciano il palco senza concedere bis, ma suonando con tutta quell’intensità non ce n’era bisogno. Hanno lasciato veramente tutti loro stessi sul palco. Come dovrebbe essere. Gran serata.

Seguite Persimmon Collective qui:

IG: @persimmoncollective

Facebook: https://www.facebook.com/persimmoncollective/

Prossimo evento Persimmon Collective: Mest, 29 maggio 2024, Solidar Rock, Cassano d’Adda (MI)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *